CIAO
Friday, August 18, 2017
MADONNA DELLA PIETRA DI CHIARAVALLE CENTRALE
SANT'ANTONIO DA PADOVA
SANTI MEDICI COSMA E DAMIANO
SAN BIAGIO PROTETTORE DI CHIARAVALLE CENTRALE
chiaravallepro.it  : UN PONTE TRA PASSATO E FUTURO

PROVERBI CALABRESI

I Proverbi

Sicuramente il termine “Proverbio” deriva dal Latino “Pro-Verbum”,cioè “a favore della parola”.Quindi un’espressione sintetica detta da chi non vuole,non può o non sa parlare per meglio chiarire un discorso che indica uno stato di fatto in cui il soggetto si trova o si verrà a trovare;oppure un’azione compiuta o da compiere per migliorare o peggiorare la medesima condizione.Una carenza di loquacità che in passato era diffusa tra le classi povere e,perciò,meno scolarizzate che facevano largo uso del dialetto e,come fonte del sapere,si affidavano all’esperienza pratica e alla sapienza semplice delle persone anziane;da questa tendenza strana,ecco il riferimento:“U’dissero l’Antichi…”e,quindi i proverbi sono anche definiti “Detti popolari”.Spesso,conditi di sagacità e di ironia,moltissimi di essi sopravvivono ancora oggi e corrono di bocca in bocca specialmente in certe situazioni in cui non si sa cos’altro dire o non si vuole offendere la sensibilità altrui.Ne proponiamo alcuni,tradotti in lingua e,chiarendone,per quanto possibile,il significato nascosto.Questi riguardano il forno ed il pane,elementi essenziali per la vita dell’uomo,antico e moderno.

Pagati mastrhu,cò fhurnu catte! = Pagati,mastro muratore,che il forno è caduto! Ci si riferisce al fatto che,nei tempi passati,un muratore poteva definirsi “Mastro”solo quando era in grado di costruire un bel forno a cupola senza che questo cadesse rovinosamente poche ore dopo.Ciò a riprova del fatto che costruire simili forni non era cosa tanto facile.Spesso capitava che qualche muratore inesperto,o peggio,qualche semplice manovale,si spacciava per mastro provetto.Costruiva un forno che, in poco tempo crollava,provocando la rottura dei mattoni e sporcando l’ambiente con polvere e calcinacci..Siccome,comunque,aveva impiegato diverse ore di lavoro pretendeva pure di essere pagato.Naturalmente il richiedente non era certo disposto a versargli il corrispettivo e lo canzonava con questo ironico proverbio.Da qui anche la risposta del mastro vero al saluto di un conoscente qualunque.”Salve,Mastrhu…”e quello:”E cchì ttì fhice ù fhurnu? ”sarebbe a dire:”Chì ti conosce…Mica ti ho mai costruito un forno!”.

Vace vidiendu quale fhurnu fhuma!= Va a vedere quale forno fuma !
Anticamente quando un forno fumava significava che c’era gente in casa e che quella gente aveva di che sfamarsi.La curiosità di sapere come andavano le cose in quella abitazione non era,perciò,fine a se stessa.La persona curiosa,sapendo ciò che accadeva poteva avere la possibilità di ricavarci qualcosa di utile per sopravvivere a spese degli altri.Pertanto si definiscono così le persone troppo impiccione.

Si conzau cuomu nà pitta a patafhurnu!= Si è sistemato come una pitta avanti-forno!
Quando si era in procinto di infornare il pane si disponeva all’imboccatura del forno una piccola pitta col buco in mezzo per regolarsi se la temperatura era quella giusta.Se questa cuoceva in fretta,dietro si disponevano i vari panetti.Quindi significa che la persona in questione è propensa a mettersi sempre prima degli altri per ricavarne vantaggi immediati.

E’ nù tuozzu è pane: =E’ un pezzo di pane
In passato,in tempi di crisi di cibo,avere un pezzo di pane,magari di grano e bello morbido,non era facile.
Trovarne un pezzo così buono era un piacere.Perciò,trovare una persona buona come il pane è un caso raro.

Mangia pane à tradimientu:=Mangia pane a tradimento
Forse questo detto risale ai tempi in cui il signore,proprietario terriero,forniva di che vivere ai suoi dipendenti in cambio del lavoro e della difesa del territorio.Capitava che qualcuno,allettato dai nemici del
signore,pur mangiando il pane garantito da costui, gli tramasse contro,anche se di nascosto,per avere dei vantaggi dalla parte avversa.

Mazzi e panelli,fhannu i fhigghj belli =Botte e pagnottelle,fanno i figli educati.
Un tempo,l’educazione ai figli veniva impartita con calci nel sedere,schiaffi,nerbate d’ogni tipo.Ai duri rimproveri e alle solenni ramanzine,si affiancava però una pagnottella con qualcosa dentro,premio per il
successivo buon comportamento.Si riteneva che così i figli crescessero sani fisicamente e moralmente.

Miegghju pane è cipuddha a casa tua…=Meglio pane e cipolla in casa propria…che non cibi sofisticati
altrove..poiché per i primi non si deve riconoscenza o sottomissione a nessuno.Nei tempi andati i ricchi offrivano,in qualche occasione particolare,un buon pranzo ai poveri,i quali poi si sentivano in dovere di
ricambiare coi propri servigi e la dipendenza psicologica.

Cù eppe fhuocu campau,cù eppe pane moriu = Chi ebbe fuoco visse,chi ebbe pane morì.
In una giornata di freddo crudele di un tempo lontano un vecchio che aveva il fuoco,pur essendo costretto
a digiunare perché non aveva pane,col calore sopravvisse.Un altro che aveva pane lo mangiò ma a tarda sera morì di freddo.Ciò che a primo acchito può sembrare un vantaggio,può invece risultare dannoso.

 

NON PERDERE LE FILASTROCCHE CALABRESI

 

– Cu manjia non penjia.

 – Figghj fimmani e gutti i vinu cacciali i promentinu.

 – Fimmana di fora non tila e non lenzola.

 – Omani di vinu ogni centu nu carrinu.

 – Po pani e po vinu si cangia u vicinu.

 – Cu futti e cu non futti nostru Diu perduna a tutti.

 – Porci e figghjoli comu i mpari i trovi.

 – Tali magghju e tali magghjolu, com’è a mamma nesci u figghjolu.

 – U diavulu vindi lana senza u ‘ndavi i pecu

– Cu pecora si fa, lu lupu si lu mangia.

– Cu è malatu sana, cu more si rigetta, cu si marita è guai chi non la fine mai.

– Quandu lu picciulu vo ciangire, cu lu rande si vo mentire.

– Mu ti fai la varva stai bono nu jorno, mu ti mariti stai bono ‘nu misi, mu ammazzi lu porco stai bono n’annu.

– L’ amicu ti sa vìdere quandu hai e ti saluta cincu vote e sei, ma si n’casu m’povertà tu vai, n’de poe cantare miserere mei.

– ‘Nci dissi u surici a nuci: “Dammi tempu ca ti perciu”.

 – A fimmana ‘mpasta e ‘mpasta, u furnu conza e guasta.

 – A gatta chi non arriva u premuni dici ca puzza.

 – Cu di l’amici e di parenti spera simìna a l’acqua e a lu ventu spara; cu sta a speranza d’atru e non cucina veni
la sira e canta la diana.

 – E’ megghju mammata mu ti ciangi ca u suli di marzu mu ti tingi.

 – Cu di vecchju s’innamura si la ciangi la sbentura.

 – Duru cu duru non fabbrica muru.

– Cu si mente cu ziteji, cacatu e pisciatu la matina si leva.

– Alla casa de li sonaturi non jire mu fai serenati.

– Non ti serve ca fai ricci e cannola: lu santu de marmuru non suda.

– La mugghiere de lu latru non sempe joca e ride, ca tandu ciange quando non si lu cride.

– Mu ‘nci lavi la testa allu ciucciu perde l’acqua cadda e lu sapuni.

– Quando la scangia, quandu la pipita, la gajineja mia è sempe malata.

– Mangia carne de pinna e de curnacchia, curcati cu ‘nna fimmena puru mu è vecchia.

– Cu de speranza campa, disperatu more.
Ama a cù ti ama, rispunda a cù ti chiama.

Amare a cù non t’ama è ná paccìa.

Cù  d’amuri pata, duluri non senta.

Cù nèscia beddha è menza maritata.

Pizzichi e vasi non fannu pertusu.

I zitijamienti luonghi si fhannu sierpi.

Cù lusthru dà candila nò fhimmana e nò tila.

Tantu m’imbrigai nzinu a cchi t’eppi e,pue a fhini, cuomu t’eppi, t’appi.

Signurina senza statuè cuomu pane senza lavatu.

Pasqua e Natali non ti maritare,cà ogni fhimmana ch ‘è brutta,beddha pare.

Matrimoni posterari, figghi promentini.

I corna su cuomu i dienti:dolanu quandu nescianu,pue aiutanu a mangiare.

A  fhamigghja unita ave longa vita.

I segrieti nescìanu dò  fhocularu.

Matrimoni e viscuvati sù ddò cielu  distinati.

Mi maritai e per rifriscucchjù fuocu throvai.

Duppu i cumpìetti,nescìanu i difhietti.

Cù caddu dè lanzolanon gugghia a’ cassalora.

Ogni casa ave a’ cruci sua.

Miegghiu pane e cipuddha a’ casa tua cà pisci e carne a casa d’athri.

Si i corna fhussaru arvuri tuttu ù mundu sarìa nù vuoscu.

Tanfu cornutu cù nnù cuornu, lantu cù ddui.

Corna e lignati amaru cù i rafha.

NON PERDERE LE FILASTROCCHE CALABRESI