Cuosi e Ddio

Madonna Pietra2

Cuosi e Ddio

Un tempo la gente di Chiaravalle esternava la sua devozione per il sacro con il dialetto. Le sue tradizioni religiose sono antiche e profonde. Si trattava di una religiosità semplice, genuina, schietta, ingenua e a volte velata d’un filo di superstizione, ma spontanea e immediata e, per questo commovente. “I cuosi e Ddio”, le preghiere e i canti sacri ispirati alle tradizioni religiose e al culto dei Santi, scandivano tutte le ore della giornata: dal mattino alla sera, da quando si entrava in chiesa alla confessione e alla comunione.
Le composizioni che seguono, sono la trascrizione delle preghiere recitate da mia madre Gullì Maria Caterina ancora dopo aver compiuto 107 anni di età. Le riporto per affetto e devozione filiale.

 

Angialu de Dio Tu si cumpagnu mio. Io duormu e iddu vigna Lu mio core si lu pigghja;

Si lu pigghja ca lu vole

Bambinuzzu, arrobba core

 

Angelo di Dio,tu sei compagno mioIo dormo ed Egli vegliaed il mio cuore se lo piglia;

e lo piglia chè lo vuole

Bambinello, ruba cuore!

 

Santa Barvara Ncia nu campu stava;Lampava e tronavaE idda on si spagnava

Ca cu mantu de Gesu’

Si cumbogghjava.

 

Santa Barbarain un campo stava;lampeggiava e tuonavaed Ella paura non aveva

chè col mantello di Gesù

Si copriva.

 

Sant’Anna-m’è nanna,San Giasieppi m’è patre,‘A Madonna m’è mamma,L’angialieni mi sugnu

Frate e suoru.

Mo chi aio st’amici fideli

Mi fazzu la cruci

E mi mientu a dormire.

 

Sant’Anna mi è nonna,San Giuseppe mi è padre,La Madonna mi è mamma,gli angioletti mi sono

Fratelli e sorelle.

Ora che ho questi amici fedeli,

mi faccio la croce

E mi metto a dormire.

 

 
Bambinuzzu, supa lu cielucumbognatu cu nu vielu,dorme e si rivigghjia,lu mio core si lu pigghja,

si lu pigghja ca lu vole,

Bambinuzzu, arrobba core.

M’arobbasti lu core mio,

Bambinuzzu, figghjuolu de Dio.

 

Bambinello, su  nel cielo,ricoperto con un velo,dorme e si sveglia,il mio cuore se lo piglia

se lo piglia chè lo vuole,

Bambinello, ruba cuore.

Hai rubato il cuore mio,

Bambinello, figlio di Dio.

 

L’abitu de Maria lu puortu ‘mpiettu,ca mi leva ‘mparidisu a sarvu puortu.A sarvu puortu ‘u giustu ‘ncamina Nostra matre de Dio, nostra Patruna.

Iddha de lu cielu è la regina,

chjna de stiddi e pezzata de luna..

 

L’abito di Maria lo porto in petto,che mi porta in paradiso a salvo porto.A salvo porto il giusto incamminanostra madre di Dio, nostra Padrona.

Ella del cielo è la regina,

piena di stelle e pezzata di luna.

 

Vi priegu, de miercuri on vi cammarati siccuomu la scrittura liej (leggi) e dice.Di latticini li cuosi pigghjati,siccuomu la scrittura aviti ‘ntiso.

 

Vi prego, di mercoledì non mangiate carneSiccome la scrittura leggi e dice.Di latticini le cose pigliate,Siccome la scrittura avete inteso.

 

A lu cummientu di Santa Carmela,lu primu abitaturi è Santu Lia. Sacciu li cuosi de suo complimientuL’abitu Santu chi caru tenia.

Io mi curcu ‘ncia lu liettu,

qua Madonna ‘ncia lu piettu.

Io duormu e idda vigna,

si sente ncorcosa mi risvigghja.

 

Al convento di Santa Carmela,Il primo abitatore e sant’Elia.So le cose di suo gradimentoL’abito santo che caro tenea.

Io mi corico dentro il letto

con la Madonna dentro il petto.

Io dormo ed ella veglia,

se sente qualcosa mi sveglia.

 

Angialu mio de Dio, tu si’ cumpagnu mio.accompagnami stanotte,nommu muoru di mala sorte;

accompagnami sta nottata,

nommu muoru disperata;

accompagnami sinc’o matinu,

nommu passo ‘nta malu destinu.

Pecchì sacciu la curcata,

ma non sacciu la levata,

anima mia raccumandata.

Cu Gesù mi curcu,

cu Gesù mi lievu,

Chjamu a Gesù

e pagura non aju.

 

Angelo di Dio,tu sei compagno mio.Accompagnami questa notte,chè non muia di cattiva sorte;

accompagnami tutta la nottata,

chè non muia disperata;

accompagnami fino al mattino

chè non passi un cattivo destino.

perché so la coricata,

ma non conosco la levata.

Anima mia, raccomandata.

Con Gesù mi corico

con Gesù mi alzo

chiamo Gesù

e paura non ho.

 

Acqua Santa, lavami!Spirito Santu, sarvami!Sarvami ‘u mio visu,mu mi puorti ‘mparadisu.

 

Acqua Santa, lavami!Spirito Santo, salvami!Salvami il mio visoPer portarmi in Paradiso
Patre de Cristu, sarvami! Luci de Cristu allucinami!‘ncia stu liettu mi curcu io, e tri cuosi Vi ciercu, Ddio:

Cumpessiuoni, comunioni

e uogghju Santu.

 

Padre di Cristo, salvami!Luce di Cristo, illuminami.In questo letto mi corico io,e tre cose vi cerco, Dio:

confessione, comunione

e olio santo.

 

Cumpessami, Ddio mio,tu chi sai lu core mio;tu chi sai la mia cuscienza,mandami a luocu di penitenza;

tu chi sai lu mio visu,

mandami a luocu di paradisu.

Ca mparadisu si canta cu affettu

E fhjura l’anima mia

cuomu gigghju all’uortu.

E qu’este dannatu

camina cuomu spiersu

E non pigghja rivientu

né vivu e né muortu.

 

Mi cumpiessu a vui, Signuri,

chi Vi viju ‘n Cruci stare.

Sugnu misaru peccaturi

On mi sacciu cumpessare.

 

Cumpessatimi, bon Ddio,

ca sapiti ‘u core mio

e sapiti ‘a mia mente

vuogghju luocu di penitenza;

e sapìti ‘u mio visu,

vuogghju luocu ‘mparadisu.

 

Confessami Dio mio,tu che conosci il cuore mio;tu che conosci la mia coscienza,mandami in luogo di penitenza;

tu che conosci il mio viso,

Mandami in luogo di paradiso.

Che in paradiso si canta con affetto

E l’anima mia fiorisce

come giglio all’orto.

E chi è dannato

cammina come sperduto

e non riposa

né vivo e né morto.

 

Mi confesso a Voi, Signore,

che vi vedo in Croce stare.

Sono un misero peccatore,

non mi so confessare.

 

Confessatemi, buon Dio,

che conoscete il cuore mio

e sapete la mia mente

voglio luogo di penitenza,

e sapete il mio viso,

voglio luogo in paradiso.

Oh, bieddu cavalieri ‘ncurunatu,chiddhu chi tieni sutta li pedetenatillu forte ncatinatue non dassare mu mi face male.

Mandalu a lu mpiernu cundannatu.

Pigghjala l’anima mia quandu ti vene,

o principi dell’angili, ‘u chjù amatu.

 

Oh bel cavaliere incoronato,quello che tieni sotto i pieditienilo fortemente incatenatoe non lasciare di farmi male.

Mandalo all’inferno condannato.

Prendi l’anima mia quando viene,

o principe degli angeli, il più amato.

 

Anima deviata, duve vai ?…Vai sempe fora strada e fora via!Svelati l’uocchj ca ‘mbelati l’haiCa lu sderrupu è vicinu de tia.

Guarda: sutta de tia lu mpiernu è apiertu,

oh, chi doluri amaru, oh, chi scompuortu,

ca Cristu avìa criatu e avìa fornuto

de scienza e de virtù l’anima tua.

Ma tu, ngratu, l’offendisti cu scrianza;

Cristu ti discacciau de’ sua presenza,

e si tu tuorni non hai atra speranza

ca mu fai longa penitenza.

Ma chi penitenza aju de fare

C’aju perdutu lu riegnu chi pretiendu?

Non secutare a mangiare la frutta

De chiddi tiempi chi buoni non sugnu!

ca su de stu mundu li ricchizzi

e chiddi chi li tenanu su pacci.

‘Ncielu sugnu li vieri cuntentizzi,

larghi finiestri e ati palazzi.

Si tu li vue vidire sti ricchizzi

Hai bisuognu la Cruci mu t’abbrazzi.

Oh, Cruci Santa, ca tu sula si,

tu sula si la fidi e la speranza mia.

 

Animamia deviata, dove vai?Vai sempre fuori strada e fuori via!Svela i tuoi occhi che velati haiche il dirupo è a te vicino.

Guarda: sotto di te l’inferno è aperto,

oh, che dolore amaro, che sconforto!

Che Cristo aveva creato e aveva fornito

Di scienza e di virtù l’anima tua.

Ma tu, ingrato, l’offendesti con screanza;

Cristu ti discacciò dalla sua presenza

E se torni non avrai altra speranza

Che fare lunga penitenza.

Ma che penitenza devo fare,

che ho perduto il regno che pretendo?

Non continuare a mangiare la frutta

Di quei tempi che buoni non sono!

Che sono di questo mondo le ricchezze

E quelli che le tengono son pazzi.

In cielo trovi le gioie vere,

larghe finestre ed alti palazzi.

Se tu vuoi vedere queste ricchezze,

hai bisogno la Cruce di abbracciarti.

Oh Croce Santa, che tu sola sei,

tu sola sei la fede e la speranza mia.

De uri e uri aspiettu la chiamatape da stu mundu passare a l’atra vita.Povera anima mia, la disperata,cu’ sape la prima sira cu’ la ‘mbita!

Aiu mu muoru, ma non sacciu cuomu,

aiu mu muoru, ma non sacciu quandu,

aiu mu muoru, ma non sacciu duve.

E si vene la morte e sugnu mpeccatu

Vaju allu ‘mpiernu pe sempe vrusciatu.

 

Di ora in ora aspetto la chiamataPer da questo mondo passare all’altra vita.Povera anima mia, la disperata,chi sa la prima sera chi l’invita!

Devo morire, ma non so come,

devo morire ma non so quando,

devo morire ma non so dove.

E se viene la morte e sono in peccato, vado all’inferno per sempre bruciato.

 

O sacerdote, quantu fidi avitic’ogni matina vi comunicati! Trentatrì cruci all’ataru facitipariti figghju dell’Etiernu Patre.

Etiernu Patre, mio Santu Bambinu,

quantu vi mera stu calici ‘nmanu!

E quandu mentiti l’acqua, e lu vinu

Vi cala GesùCristu’ntra li mani.

O Vierbu, Vierbu, do cielu scindisti

E ‘ncia la panza di Maria posasti,

stacisti nove mesi e pue nescisti,

e Vergine com’era la dassasti.

Trentatri anni pe lu mundu jisti,

e la cruci ncuoddu pe nui ragasti.

Perdunami, Signuri, sugnu tristu,

cuomu lu buonu latruni perdunasti.

 

O sacerdote, quanta fede avete,che ogni mattina vi comunicate!Trentatre croci all’altare fate,sembrate figlio dell’Eterno Padre.

Eterno Padre, mio Santo Bambino,

quantu vi dona questo calice in mano!

E quando mettete l’acqua ed il vino,

vi scende Gesù Cristo nelle mani.

O Verbo, Verbo, dal cielo scendeste

E nella pancia di Maria vi posaste;

sei stato nove mesi e poi sei nato,

e vergine com’era la lasciasti.

Trentatre anni per il mondo andasti, e la Croce sulle spalle per noi portasti.

Perdonami, Signore, che son cattivo,

come il buon ladrone perdonasti.

Grazie, Madonna mia de lu Rosariu,mi vieni nmente e ti viegnu a pregareavanti a li tue pede ndinogghjunicuomu nu peccaturi sdimandatu

e la grazzia chi ti ciercu mi cunciedi

ca si la Matre de Dio e lu pue fare

ca Giesù Cristu fice manna e mele.

Fazzu la quarantena notte e juornu

e quando la dicu na curuna ‘ntera

la presientu a Vui, Matre Maria,

e mi la stipati pe na gloria santa

finu all’ura della morte mia.

All’ura della morte io vi richjamu,

chjamu lu nome di Gesù e di Maria.

 

Grazie, Madonna mia del Rosario,mi vieni in mente e ti vengo a pregaredavanti ai tuoi piedi in ginocchio,come un peccatore disordinato

e la grazia che ti chiedo mi concedi

che sei la madre di Dio e lo puoi fare

che Gesù Cristo fece manna e miele.

Faccio la quarantena notte e giorno

E quando dico una corona intera

La presento a Voi, Madre Maria,

e me la conservate per la gloria santa,

fino all’ora della morte mia.

All’ora della morte io vi richiamo

Chiamo il nome di Gesù e di Maria.

Filastrocche

Zaghalija, zaghaljia,‘a gatta si pendulija,‘u surici frija l’ova,

e ‘a gatta on nda prova.

 

Pioviggina, piovigginala gatta si dondola,il topo cuoce le uova,

e la gatta non le prova.

 

Chjova, chjova,la gaddhina cuva l’ova;s’astuta la candila,

e si dice bona sira.

 

Piove, piove,la gallina cova le uova;si spegne la candela,

e si dice buona sera.

 

T’arriocuordi quand’eramu zziti,‘nda mangiavamu ciucculati,E mo chi si simu sposati,

Caci, pugna, e vastunati.

 

Ti ricordi quand’eravamo fidanzati,ne mangiavamo cioccolati!Ora che siamo sposati,

calci, pugni, e bastonate.

 

Domani este domenica,nci tagghjiamo a testa a Minica,Minica on c’è,

ncia tagghjamu o rre,

‘u rre este malatu,

ncia tagghjamu o sordatu,

‘u sordatu jiu ‘nguerra,

catta cu culu supa a tri ferra.

 

Domani è domenica,tagliamo la testa a Menica,Menica non c’è,

la tagliamo al re,

il re è ammalato,

la tagliamo al soldato,

il soldato è andato in guerra

ed è caduto col culo

sopra tre ferri.

 

Caru cumpare, stasira t’imbitu,porta ‘a carne ca mientu ‘u spitu,porta ‘u pane ca l’haju mucatu,

porta ‘u vinu ca l’haju acitu.

Caru cumpare, stasira t’imbitu!…

 

Caro compare, questa sera t’invito,porta la carne che metto lo spiedo,porta il pane che il mio è ammuffito,

porta il vino che il mio è aceto.

Caro compare questa sera t’invito!…

 

Ammazzasti lu puorcu e ti chiudisti e de l’amici tue ti nda scordasti;dicisti ca tu puorcu non nd’ammazzi,

ma avanti a porta tua vitte li pili.

 

Hai ucciso il maiale e ti sei chiusoE dei tuoi amici ti sei dimenticato;avevi detto che non l’uccidevi,

ma d’avanti casa tua ho visto i peli.

 

Figghju, tu mi chiamasti malandrinu,dimmi chi t’arrobbai cu li mie mani;si t’arrobbai l‘accia e ‘u petrusinu

chiama ‘u stimaturi ca ti pagu.

 

Figlio, mi hai chiamato malandrino,dimmi che ti ho rubato con con le mie mani;se ti ho rubato il sedano ed il prezzemolo,

chiama chi apprezza il danno che ti pago.

 

‘U zzi monacu sutta all’umbra,‘a zzi monaca puru dha,chi facianu cozzutumbula;

si potienu stroppijà.

 

 

Lo zio monaco sotto l’ombra,la zia monaca pure làche facevano capriole,

si poteva fare male.

 

‘U zzappaturi sempe zzappa, zzappae mai nu sordu ‘ncia la pezza ‘ngruppa;a sira si ricogghja tappe, tappe,

si caccia li cciappietti, mangia e si curca.

La mugghjera dice abbrazza, abbrazza!..

Ma chi m’abbrazzu ca su fattu stuppa!!!

 

Lo zappatore zappa, zappa, zappa,e mai un soldo nella pezza annoda;la sera si ritira piano, piano,

si toglire i gambaletti, mangia e si corica.

La moglie dice: abbraccia, abbraccia! …

Ma cosa abbraccio che son stanco morto!…

 

Mulinaru mangia canigghja,malaghjangula mu ti pigghja,mu ti leva a chiddhu mundu,

mu ti face u culu tundu.

 

O mugnaio, mangia crusca,“malaghjangula” che ti pigli,che ti pigli e ti porti all’altro mondo,

e che ti faccia il culo rotondo! …

 

Miraculu chi face Santu Luca!‘u surici ‘ncia pagghja nommu ceca,e ‘u pisci ‘ncia l’acqua nommu affuca.

 

Miracolo che fa San Luca! …Il topo nella paglia non si acceca,il pesce nell’acqua non si affoga! …

 

Quandu chjove e mina vientu,t’impar’io cuomu si fa;vai e curcati a nu strhavientu,

dassa chjovere e nivicà.

 

Quando piove e tira vento,t’insegno io come si fa;coracati in luogo riparato

e lascia piovere e nevicare.

 

Mo vene natali,Non tiegnu dinari,pigghju na pippa

E mi mientu a fumare.

 

Ora arriva NataleNon tengo denari,prendo una pipa

e mi metto a fumare.

 

Sindavinne lu Santu Natali,Cu’ l’ave si li spende dui carrini.Io l’amaru chi non aju nente,

mi curcu paru, paru de lu sule.

 

E’ arrivato il Santo Natale,chi li possiede spende due carlini.Io, poveretto, che possiedo niente,

mi corico al tramontar del sole.

 

Madonna Pietra2

Lascia un Commento