20° AVIS CHIARAVALLE

 

20° AVIS CHIARAVALLE

di Maria Patrizia Sanzo

INAGURATA LA PIAZZETTA DONATORI DI SANGUE , 14/10/2012

CHIARAVALLE 14/10/2012 –  Una giornata fitta di avvenimenti  ha cadenzato i festeggiamenti per i venti anni della sede cittadina Avis (Associazione volontari italiani del sangue).

Il primo appuntamento in chiesa matrice con la celebrazione della santa messa, con la particolare partecipazione dei donatori, il coinvolgimento di autorità locali e di rappresentanti dell’associazionismo.

Altro atto significativo: l’intitolazione di una piazzetta in località Foresta ai “Donatori del sangue”. Una determinazione giunta da parte dell’Amministrazione comunale, ha spiegato il sindaco Gregorio Tino, a seguito di una richiesta formulata circa un anno fa dall’Assemblea dei soci Avis.

«L’intitolazione – ha edotto il primo cittadino – è stata voluta quale riconoscimento  al compito etico e morale assolto dall’Avis che, come tutte le associazioni che incidono nel sociale, concorre alla formazione e alla crescita della comunità. Ecco perché la scelta di una piazza prossima ad un luogo frequentato dai giovani e dai bambini, per richiamare l’attenzione su un importante gesto di solidarietà».

L’intitolazione, come illustrato, rientra in un piano più ampio di revisione della toponomastica cittadina, ma è stata anticipata proprio per farla coincidere con i festeggiamenti dell’Avis locale. Un sodalizio, è stato ancora sottolineato, che ha sempre operato con costanza, impegno, ma anche con grande discrezione.

L’Avis cittadina, ha informato il presidente Vito Imineo, «conta 640 donatori iscritti che assieme alle loro famiglie condividono la cultura della donazione e la nostra attività.  L’intitolazione rappresenta per noi un onore. Chiaravalle rappresenta la terza cittadina  nella regione che ha dedicato una piazza ai donatori del sangue. Con gioia abbiamo condiviso la scelta  del luogo individuato dall’Amministrazione comunale».

Il parroco don Enzo Iezzi,  nell’impartire la benedizione, si è soffermato sui  valori della solidarietà, della gratuità, della generosità e della partecipazione umana che contraddistinguono l’atto della donazione.

All’evento oltre all’Amministrazione comunale, ai rappresentanti provinciali, hanno preso parte  anche i sindaci di comunità che fanno capo alla realtà Avis di Chiaravalle, tra questi il primo cittadino di Gagliato, Franco Fodaro e  di Argusto, Valter Matozzo.

Le celebrazioni sono proseguite nel pomeriggio, presso l’aula magna dell’Istituto tecnico industriale, con gli interventi: del presidente provinciale, Giampaolo Carnovale; del consigliere regionale, Rosario Crea;  del presidente del Consiglio comunale, Maria Teresa Sanzo; del presidente dell’Avis cittadina, Vito Imineo; del vicepresidente, Oreste Faga; del segretario, Libero Cortese; e del direttore sanitario della stessa  associazione, Chiara Cimino. Presenti per l’occasione con i loro labari rappresentanze delle sezioni: Avis  provinciale, comunale di Soverato, di Montepaone lido, Laurena di Borrello, di Petrizzi e di Cenadi.

Sono stai ripercorsi i passaggi più importanti dalla fondazione dell’Avis a Chiaravalle, spaziando dall’attività di donazione, alla sensibilizzazione e all’informazione nelle scuole e tra la popolazione, alla collaborazione con altri sodalizi. È stato evidenziato l’impegno dei tanti volontari, tra questi delle figure dei tecnici e sanitari, che con la loro disponibilità hanno reso la realtà cittadina ben strutturata, efficiente e all’avanguardia. È stata ricordata ancora alle future mamme la possibilità di donare il cordone ombelicale.

Dopo aver ringraziato anche i volontari che per sopraggiunti limiti di età non potranno  più supportare con l’atto della donazione, è giunta  la fase della consegna delle medaglie e degli attestati di benemerenza ai circa ottanta iscritti che hanno raggiunto rispettivamente i traguardi delle cinquanta, delle venticinque e delle quindici donazioni. Concluse le fasi istituzionali della cerimonia, si è proceduto all’apertura del buffet ed al taglio della torta.

                                                           Maria Patrizia Sanzo

 

PER LA PREMAZIONE CLICCA QUI






















































Lascia un Commento