IL CULTO DI SANT’ANTONIO DA PADOVA A CHIARAVALLE CENTRALE

 

IL CULTO DI SANT’ANTONIO DA PADOVA  A CHIARAVALLE CENTRALE

 

In un elenco degli arredi del convento stilato il 27 ottobre del 1886 è riportato un quadro di poco valore che,evidentemente,stava in chiesa, raffigurante Sant’Antonio da Padova. L’anno successivo,col funzionamento del Noviziato, Sant’Antonio diventa Patrono dei novizi i quali  partecipavano all’apposita Novena e,alla vigilia della sua festa,per penitenza,mangiavano per terra. Ciò attesta che il culto di Sant’Antonio e la sua festa religiosa interna,a quel tempo erano già molto vivi. Probabilmente il culto del Santo dei miracoli,si era diffuso in Chiaravalle oltre un secolo prima; dalla Certosa della vicina Serra in cui il giorno della festa  si esponevano le reliquie del santo padovano. Dalla fine dell’ottocento la venerazione di Sant’Antonio crebbe sempre di più nel popolo tanto da offuscare,quasi,quella di san Francesco;titolare della chiesa e protettore dell’ annessa struttura conventuale. Successivamente si formarono così appositi comitati che,col consenso dei frati,gestivano la festività esterna e civile distribuendo il santino con la preghiera e l’immagine,e le cui manifestazioni principali si svolgevano in Rione Cona,in uno spiazzo poco lontano dal convento stesso. Si provvide anche ad acquisire una statua di sant’Antonio  ispirata all’antica iconografia:col vangelo aperto,il santo bambino in braccio ed il giglio della purezza in mano. Con essa si svolgevano le processioni,ogni anno il13 giugno,lungo le vie del paese costituite da numerosi cittadini fedeli al santo,la maggior parte dei quali aveva precedentemente assistito alla nota Tredicina che si svolgeva nella chiesa conventuale;dedicata,però poi, al  Sacro Cuore di Gesù.Naturalmente fu approntato anche l’altare del santo che,nel 1967 fu decorato dagli affreschi del grande artista Nick Spatari e che accolse la nuova statua di sant’Antonio offerta dai  devoti coniugi Rauti, assidui frequentatori del Convento.

PER LA PROCESSIONE SI SANT’ANTONIO DA PADOVA CLICCA QUI

Lascia un Commento