PATATE ARROSTITE – U’ Patatieddhu

U’ Patatieddhu

 

Mi ricuordu,quand’ere guagliunieddhu,

a chiddha povara nannareddha mia….

quandu e’ vrascj nà locareddha fhacia

e d’intrha ‘ncì mentìa nù patatieddhu.

U patatu:a carne dò povarieddhu.

E mentrhe chì chiddhu s’arrustia

iddha mi cuntava nù cuntarieddhu

cu a’ morali chì,e’ rande,mi servia.

U tirava cù fhjuffhjaluoru e’ canna,

scotulava a’ cinnareddha cù fhaddali,

l’aparìa vruscienti e parìa manna.

Sulu,senza mancu u sale;naturali.

“- Chissu è ddè l’uortu e’ ‘zzieta Peppinu…

(e u patatieddhu ‘ntrhà panza sparia…)

mu l’accumpagni,tè,nà guccia è vinu…”

E ‘nnù piaciri bellu era pe’ ‘mmia.

“Mangiatilu tuttu:E’ patatu pajsanu…

I patati e stà qualità venanu cari….”

Ed io ‘ncì rispundia chjanu chjanu:

“Ma i Chjaravaddhuoti,si sà…Sù patatari!”

U sarviettu mi dava, u’ mi stuju o’ pizzu,

ca ‘m’annettava i scuorzi già scurruti…

e si pue sparava nù piditu sanizzu

murmurava allegra:”-Figghju,cù Saluti!”

 

***

Traduzione:

Mi  ricordo quand’ero ragazzino

la mia povera nonna quando approntava

un piccolo nido nella brace

e vi posava dentro una piccola patata.

La patata:la carne del povero.

E mentre quella si arrostiva

Ella mi raccontava una specie di fiaba

la cui morale mi sarebbe servita da persona matura.

Tirava la patatina fuori con un soffietto di canna,

scuoteva la cenere co n un lembo del faddale

la apriva ancora bruciante e sembrava fosse manna.

E me la offriva così,senza nemmeno salarla,al naturale.

“-Questa è dell’orto di tuo zio Peppino”/ mi diceva/

(e la patatina nel mio ventre spariva)

“e per accompagnarla eccoti una goccia di vino…”

Ed era per me un bel piacere.

“Mangiala tutta, è una patata paesana

Le patate di questa qualità costano care…”

Ed io  le rispondevo,a bassa voce:

“Ma i Chiaravallesi si sa,sono detti proprio Patatari!”

Una salvietta mi dava  perché mi pulissi da un angolo

Perché io nettavo per bene anche le scorze

bruciacchiate già passare sotto i denti…

E se poi emettevo un peto rumoroso e puzzolente

Lei mormorava allegra .”-Con salute,Figliolo!”.

Lascia un Commento