PROVERBI CALABRESI di Mario Domenico Gulli’

Proverbi
Oggi più che mai si avverte l’esigenza di parlare di recupero della cultura delle classi
subalterne. Essa si conserva integra nei proverbi, che racchiudono la saggezza e l’esperienza di
questa nostra gente intelligente ed antica.
Ma il lavoro di ricerca ha presentato enormi difficoltà a trovare la fonte originaria delle
parole perchè oggi tutte le classi sociali usano codici comunicativi già purificati dall’uso
contemporaneo del dialetto e della lingua ufficiale. Per cui, per cogliere la fonte originaria delle
parole e l’esatta inflessione dialettale di un tempo ormai lontano, bisogna ricorrere al parlato
degli anziani che vivono nelle contrade (Furna, Fracuso, Pilati), e nei Rioni di (Cona, Cappella e
Vignale), compresi nel territorio di Chiaravalle Centrale. Qui si può sentire la cadenza
cantilenante della parlata, la fine, ma spesso corposa ironia ed il popolaresco “humor” dei
chiaravallesi, i quali ironizzano e ridono di se stessi, delle proprie miserie, delle proprie
necessità, delle proprie disgrazie, persino del proprio dolore.
Il glossario di onomastica e toponomastica e il glossario etimologico diventano documenti
che testimoniano le varie dominazioni subite intempi diversi.
I proverbi riportati di seguito, per una maggiore comprensione, vengono trascritti anche nella
lingua ufficile.
1. E Santu Nicola ‘a mandra face ‘a prova. Per San Nicola, la mandria fa la prova.
2. U Signuri on paga ‘u sabatu Il Signore non paga il sabato.
3. Cu monaci, prieviti e cane pigghja ‘u
vastuni e mani.
Con monaci, preti, e cani prendi il
bastone in mano.
4. Iettala quandu este giustu ‘na jestima, ca
‘ngnana ‘ncielu cuomu ‘na curuna.
Gettala quando è giusto una bestemmia
che sale in cielo come una corona.
5. ‘A jestima sicca l’acqua ‘ncia vozza. La bestemmia asciuga l’acqua nella
brocca.
6. Cu’ duna do dunatu caccia ‘n’anima do
peccatu.
Chi dà di ciò che ha ricevuto, toglie
un’anima dal peccato.
7. ‘U riccu chi va o mpiernu trova ‘a seggia
preparata.
Il ricco che va all’inferno trova la sedia
preparata.
8. Pasqua marzalora, o morìa o fami. Pasqua marzarola, epidemia o fame.
9. Cu’este sulu, santija. Chi è solo, diventa santo.
10. Passatu ‘u Santu, passata ‘a festa. Passato il Santo, passata la festa.
11. ‘Na vota passa ‘u Santu avanti a’ porta. Una volta passa il Santo d’avanti la porta.
12. ‘U diavulu ‘on menta ‘a paci. Il diavolo non mette la pace.
13. Pensa pe ojia ca domane Ddio provvide. Pensa per oggi che domani Dio provvede.
14. Aiutati ca Ddio t’aiuta. Aiutati che Dio ti aiuta.
15. Non fare cuomu ‘u monacu de’ frittuli. Non agire come il monaco delle cotenne.
16. Morte e Ddio è tavula d’uoru. Morte di Dio è tavola d’oro (Morte
naturale è gioia eterna).
17. Cu’ ciange pe’ Ddio, l’uocchj on perde. Chi piange per Dio, gli occhi non perde.
18. Ddio s’on sente l’angiuli pregare po
sentire i ciucci ragghjiare?
Dio se non sente gli angeli cantare può
ascoltare gli asini ragliare?
19. ‘U Signuri mu ti libera e l’acqua e do
vientu e de’ monachi fora do cummientu.
Che il Signore ti liberi dell’acqua e del
vento e dei monaci fuori dal convento.
20. ‘U juornu e tutti i Santi, dassa ‘u vastuni e
pigghjia ‘u mantu.
Il giorno di tutti i Santi, lascia il bastone e
prendi il mantello.
21. Cu’ dijuna, tri mali fa: l’anima e ‘u
cuorpu perde, e o ‘mpirnu va.
Chi digiuna fa tre mali:perde l’anima ed il
corpo e va all’inferno.
22. Maladitta chiddha casa dove trasa
arrobba e chjesa.
Maledetta quella casa dove entra roba
della chiesa.
23. Matrimuoni e viscuvati su do cielu
distinati.
Matrimoni e Vescovadi sono dal cielo
destinati.
24. Peccatu ammucciatu este mienzu
perdunatu.
Peccato nascosto è mezzo perdonato.
25. Ataru siervi, ataru mangi. Altare servi, altare mangi.
26. San Biasi aiuta a cu’ si face ‘a varva
sempe sulu.
San Biagio aiuta a chi la barba si rasa
sempre da solo. (chi si aiuta)
27. Da’ festa d’Annunziata
‘ncia pampina e ficara nci capa ‘na sarda
salata.
Per la festa dell’Annunziata, nella foglia
di fico vi entra una sarda salata.
(La foglia è già cresciuta).
28. Quandu ‘u diavulu t’accarizza este signu
ca vola l’anima.
Quando il diavolo ti accarezza è segno
che vuole l’anima.
29. Quandu vene ‘u monacu a casa hai mu ta
pigghj a risi.
Quando viene il monaco a casa devi
ridere. (E’ inutile dolersi delle disgrazie)
30. Prieviti ‘ncasa, Ddio mu ti scanza. Preti in casa, Dio ti guardi.
31. Cu’ monacu si fa lu mpierniu attizza, cu’ si
marita lu mpiernu abbrazza.
Chi monaco si fa alimenta il fuoco
dell’inferno, chi si marita l’abbraccia.
32. E Santa Lucia a Natali, dudici juorni ave. Da Santa Lucia a Natale ci sono dodici
giorni.
33. Santu Nicola aiuta prima chiddhi e intra e
pue chiddhi e fora.
Santo Nicola aiuta prima quelli che sono
dentro e poi quelli che sono fuori. (I
vicini sono ben serviti).
34. De’ monaci e de’ prieviti sientiti ‘a missa e
pue fuja.
Dei monaci e dei preti ascolta la messa e
poi scappa.
35. E Santu Linardu, simina ch’este tardu. Per San Leonardo, semina che sei (già) in
ritardo.
36. E Santa Caterina, chjanta ruosi e piruni. Per Santa Caterina pianta rose e spine.
37. E Santu Nicola, ogni cafhuni sona. Per San Nicola, ogni dirupo suona. (I
ruscelli si gonfiano)
38. Santu Martinu ‘u viernu este supa ‘u
lettinu.
Per San Martino l’inverno è sul lettino.
(E’ vicino)
39. E Santu Martinu ‘u mustu diventa vino. Per San Martino ogni mosto diventa vino.
40. E Santu Martinu caccia l’acqua e vivi
vinu.
A San Martino togli l’acqua e metti il
vino.
41. All’uortu e Ddio campanu tutti. Nell’orto di Dio mangiano tutti.
42. A miedicu, cunfessuri e abbucatu on
ammucciare ‘u peccatu.
A medico, confessore ed avvocato non
nascondere il peccato.
43. Dassa fare a Ddio ch’este Santu viecchjiu. Lascia fare a Dio che è Santo Vecchio.
44. Duve Ddio on mente, l’uomu on pote. Dove Dio non mette, l’uomo non può.
45. Fa cuomu t’è fattu ca on’este peccatu. Fa come ti è fatto che non è peccato.
(Paga con la stessa moneta)
46. ‘U santu e marmaru on suda. Il Santo di marmo non suda.
47. Chjrica ‘n casa face ricchizza. Chierico in casa fa ricchezza.
48. Prieviti ‘n chjesa, diavulu ‘n casa. Prete in chiesa, diavolo in casa.
49. Fa chiddhu chi dicu, on fare chiddhu chi
fazzu.
Fai quello che dico, non fare quello che
faccio.
50. ‘U priviti sientulu e supa all’ataru,
scanzalu quandu este fora.
Il prete ascoltalo quando è sull’altare,
evitalo quando è fuori.
51. Senza dinari on si cantanu missi. Senza soldi non si cantano messe.
52. Abitu on fa monacu e chjrica on fa prieviti. Abito non fa monaco e chierica non fa
prete.
53. Mparadisu on si va ncarrozza. In paradiso non si va in carrozza.
54. S’este monacu vieru, torna ‘n casa. Se è monaco vero torna a casa.
55. Quandu ‘mbecchja, u culu si fa Santu. Quando invecchia il culo diventa Santo.
56. ‘A missa on vaiu ca sugnu zuoppu, ‘a
potigha vaiu chjanu chjanu.
A messa non vado perché sono zoppo,
all’osteria vado piano piano.
57. ‘A pulizzia ‘a vole Ddio e i Santi. La pulizia la vuole Dio e i Santi.
58. Onura Ddio e on avire prescia. Onora Dio e non avere fretta.(Il premio
arriverà)
59. Aiutati ca Ddio t’aiuta. Aiutati che Dio ti aiuta.
60. Ddio manda pieni pe quantu nda pue. Dio manda pene per quanto ne puoi
61. ‘U diavulu on ave piecuri e vinda lana. Il diavolo non ha pecore e vende lana.
62. Joca qui ‘mpanti, ma no qui Santi. Gioca con i fanti ma non con i Santi.
63. Alleluja, alleluja ca ‘u monacu sinda fuja. Alleluia, alleluia che il monaco scappa
via.
64. ‘U monacu chi fuja, sape i cazzi sue. Il monaco che fugge sa i cazzi suoi.
65. Santu Nicola, Santu Nicola, pigghjati a
vecchja e dassami a nova.
San Nicola, San Nicola, prenditi la
vecchia e lasciami la nuova.
66. P’a Candilora ‘u viernu este fora. Per la Candelora l’inverno è fuori.
67. Ciouti e creaturi, Ddio l’aiuta. I semplici e i bambini, Dio li aiuta.
68. I diebita si paganu, peccati si ciangianu. I debiti si paganu,i peccati si piangono.
69. Frevaru sparta gualu. Febbraio divide euguale (giorno e notte
hanno le stesse ore).
70. Frevaru curtu, curtu e amaru. Febbraio, corto e amaro.
71. Figghja ‘mpascia, dote ‘ncascia. Figlia in fasce, dote nella cassa.
72. Fimmana maritata, rispiettu e amuri. Donna sposata, rispetto ed amore.
73. ‘A fimmana face ‘a ricchizza da casa. La donna fa la ricchezza della casa.
74. Cui ave na bona mugghjeri este riccu. Chi ha una buona moglie è ricco.
75. Cui si marita s’imbarda e va gridandu
cuomo ciuccia gurda.
Chi si sposa si sella e va gridando come
asina sazia.
76. Cu’ monaca si fa ‘u mpiernu attizza, cu’ si
marita ‘u mpiernu abbrazza.
Chi si fa monaca alimenta il fuoco
dell’inferno, chi si sposa lo abbraccia.
77. Cu’ si marita este cuntientu nu juornu; cu’
ammazza ‘u puorcu este cuntientu n’annu.
Chi si marita è contenta un giorno, chi
uccide il maiale è contenta un anno.
78. Nè tila accattare, nè fimmina pigghjare a’
luci da lumera.
Non comprare tela, né prendere donna
(vista) alla luce della lucerna.
79. Cavaddhi, scupietti e fimmani on si
prestanu mai.
Cavalli, pistole e donne non si imprestano
mai.
80. ‘U carru este cuomu a mugghjeri; on si
presta mai.
Il carro è come la moglie; non si presta
mai.
81. Cu ‘na figghja si fannu cientu jennari. Con una figlia si fanno cento generi.
82. A’ funtana chi vìvunu dui, l’acqua
mbruscinata pue trovare e chjara mai.
Alla fontana dove bevono in due, l’acqua
sporca puoi trovare e chiara mai.
83. ‘A fimmana e razza a cinquant’anni porta
mbrazza.
La donna di razza, a cinquanta anni porta
(un bimbo) in braccia.
84. Ddio mu ti libera de’ fimmani o sule e de
l’omini a potigha.
Dio ti liberi delle donne al sole e degli
uomini all’osteria.
85. ‘Na fimmana e ‘na ciuccia arribbedhanu
‘na fera.
Una donna ed un’asina allarmano una
fiera.
86. ‘A fimmana este vacanti cuomu ‘na canna. La donna è vuota come una canna.
87. On cridira a fimmana chi ciange. Non credere a donna che piange.
88. Cui nesce beddha, nesce maritata. Chi nasce bella, nasce maritata.
89. Cu’ave mugghjeri beddha sempe canta,
cu’ave dinari puocu sempe cunta.
Chi ha la moglie bella sempre canta, chi
ha pochi soldi sempre conta.
90. Cui pe dinari ‘na brutta si pigghja, on
trova cunfessuri mu l’assorva.
Chi per denari una brutta si piglia, non
trova confessore che l’assolva.
91. ‘A fimmana beddha, quandu camina
annaca ‘u culu.
La donna bella quando cammina sculetta.
92. S’on niesci beddha, hai vogghja mu
t’allisci e mu ti fai cannola!
Se non nasci bella, hai voglia di
imbellettarti e di arricciarti i capelli!
93. Pote chjù nu pilu e fimmana a la
‘nchjanata, ca dui para e vue alla calata.
Può di più un pelo di donna in salita che
due paia di buoi in discesa.
94. Vidire e non toccare, ti vena e crepare. Vedere e non toccare, ti viene da crepare.
95. A casa ricca stace fimmina sapienti. A casa ricca c’è una donna saggia.
96. ‘A fimmana este cuomu ‘a crapa: mangia La donna è come la capra: mangia cento
cient’iervi e on este mai cuntenta. erbe e non è mai contenta.
97. ‘A fimmana ave i capiddhi luonghi e ‘u
cervieddhu curtu.
La donna ha capelli lunghi e cervello
corto.
98. ‘A fimmana quandu vole trova cuomu. La donna quando vuole trova come (fare).
99. ‘A fimmana garbata acconza ‘u mangiare. La donna garbata aggiusta il cibo.
100. ‘A fimmana ch’este beddha, chjù
trasandata va, chjù beddha pare.
La donna ch’è bella, più disordinata va,
più bella appare.
101. Fimmani e vue de’ pajsi tue. Donne e buoi dei paesi tuoi.
102. Mugghjeri e chitarri, chjù i pisti e chjù
sonanu buoni.
Mogli e chitarre, più le batti e più
suonano bene.
103. ‘A figghja ‘ncia strata stace cuomu ‘a
mamma o fhocularu.
La figlia nella strada si comporta come la
mamma al focolare.
104. ‘a fimmana este cuomu ‘u brodu, si no
pigghj ‘ngiru ‘giru, ti vrusci
La donna è come il brodo; se non lo
prendi intorno intrno ti bruci
105. De’ fimmani e do fuocu, fidati puocu.
Cu fimmani e mare on ti fidare e nente.
Delle donne e del fuoco, fidati poco.
Delle donne e del mare non fidarti per
nulla.
106. ‘A fimmana pputtana t’insurfara o
t’arrama o ti caccia ‘na mala fama.
La donna puttana ti solfa, o ti dà il verde
rame, o ti toglie una brutta fama.
107. L’uomu porta cu carru e ‘a fimmana
caccia cu ‘a fadda; ‘a casa este sempe
vacanti.
L’uomo porta con il carro e la donna
scialacqua, la casa resta sempre vuota.
108. Non c’este sabatu senza sule nè fimmana
senza amuri.
Non c’è sabato senza sole, non c’è donna
senza amore.
109. Fimmana povera, ma cu l’onuri. Donna povera, ma con l’onore.
110. Pe’ casa picciula, fimmana destra. Per casa piccola, donna garbata.
111. Quandu ti mariti pensa ch’’a dota sa porta
‘u vientu, ma ‘a fimmana ti resta sempe.
Quando ti sposi pensa che la dote se la
porta il vento, ma la donna ti rimane
sempre.
112. Uomu e pagghja, fimmana e fierru. Uomo di paglia, donna di ferro.
113. Si ’a fimmana on rispunde ‘mprima vuci,
este signu ch’on ci piace ‘a canzuna.
Se la donna non risponde subito, è segno
che non le piace la canzone.
114. Fimmana mustazzuta este sempe piaciuta. Donna baffuta è sempre piaciuta.
115. On ti fidare da fimmana mustazzuta e de
l’omini sbani.
Non ti fidare della donna baffuta e degli
uomini privi di barba.
116. A fimmana beddha on ave mu s’acconza. La donna bella non deve imbellettarsi.
117. ‘A fimmana ch’annaca ‘u culu quandu
camina, si non este puttana, s’abbicina.
La donna che sculetta quando cammina,
se non è puttana si avvicina.
118. Fimmani e bagasci ti sucanu i sordi e ‘u
sangu.
Donne e puttane ti succhiano i soldi ed il
sangue.
119. ‘A fimmana ‘ngalipata face ‘a casa; ‘a
sgalipata a sderrupa e quandu trasa.
La donna garbata fa la casa, la sgarbata la
demolisce da quando entra.
120. ‘A fimmina beddha e sgalipata, este cuomu La donna bella, ma sgarbata è come un
nu fungiu bieddhu, ma mbelenatu. fungo bello, ma avvelenato.
121. Do core e fimmina on ti fidare si ‘u
paradisu vue vidire.
Del cuore di donna non ti fidare se il
paradiso vuoi vedere.
122. I fimmani ti fannu scotulare ‘u saccu. Le donne ti fanno vuotare il sacco.
123. Fimmana senza uomu on ave nuomu. Donna senza uomo non ha nome.
124. Fimmana maritata e gutti ncingnata on
falli tenire all’atri.
Donna maritata e botte iniziata non
affidarle agli altri.
125. A fimmana e quindici anni o ‘a mariti o ‘a
scanni.
La donna di quindici anni o la mariti o la
sgozzi.
126. ‘A fimmana ciota si canusce e l’uocchji. La donna stupida si conosce dagli occhi.
127. Cu’ ave ‘na bona mugghjeri este riccu. Chi ha una buona moglie è ricco.
128. Fimmana brutta on s’ adura. Donna brutta non si adora.
129. Fimmana vasata on perde l’onuri. Donna baciata non perde l’onore.
130. Si bue inchjre ‘u granaru, zzappa e puta a
jennaru.
Se vuoi riempire il granaio,zappa e pota a
gennaio.
131. Da Candilora, do viernu simu fora. Della Candilora, dall’inverno siamo fuori.
132. Simina quandu vue, ch’a giugnu mieti. Semina quando vuoi che a giugno mieti
133. Ad aprili, o mangi tri buoti o ridi. Ad aprile, o mangi tre volte o ridi.
134. Cu’ mangia ‘a racina d’agustu, on vive
vinu o tiempu giustu.
Chi mangia l’uva ad agosto non beve vino
al tempo giusto.
135. Prima natali nè friddu nè fami, duoppu
natali friddu e fami.
Prima natale né freddo né fame,dopo
natale freddo e fame.
136. ‘U juornu e tutti i Santi, dassa ‘u vastuni e
pigghjia ‘u mantu.
Il giorno di tutti i Santi, lascia il bastone e
prendi il mantello.
137. E tutti i Santi, ‘a nivi este pe’ canti. Di tutti i Santi la neve è nei dintorni.
138. E Santu Martinu, ogni mustu este vinu. Di San Martino ogni mosto diventa vino.
139. ‘A nivi tunda aspetta ‘a seconda. La neve rotonda aspetta la seconda.
140. L’amicu ti po’ videre quand’hai, pue ti
saluta cincu vuoti e sie.
L’amico ti può vedere quand’hai, poi ti
saluta cinque volte e sei.
141. Vale chjiù n’amicu ca cientu carrini. Vale più un amico che cento carlini.
142. Cu’ ave ‘na bona mugghjieri este riccu. Chi ha una buona moglie è ricco.
143. ‘A fimmana cuomu sape face i cuosi, i
ligna cuomu sugnu fannu i vrasci.
La donna agisce come sa, le legna come
sono fanno la brace.
144. ‘A fimmana canta quandu vo’ maritu;
l’uomu passija quandu este ‘namuratu.
La donna canta quando vuole marito;
l’uomo passeggia quando è innamorato.
145. Cu’ stace a’ speranza d’atri e non cucina,
vena ‘a sira e canta ‘a tiana.
Chi sta alla speranza di altri e non cucina,
arriva la sera e canta la pentola.
146. ‘A stizzara percia ‘a petra. La goccia buca la pietra.
147. Cui pe bugiardu este canusciuto, puru
quandu dice ‘a verità on este cridutu.
Chi come bugiardo è conosciuto, anche
quando dice il vero non è creduto.
148. ‘A gamba, guverna a ganga. La gamba, governa la mandibola.
149. Poverieddu cui on ava, disperato cui on
pote.
Poveretto chi non ha, disperato chi non
può.
150. Pane e mantu on gravanu pue tantu. Pane e mantello non pesano poi tanto.
151. Missa e biava on mpedisce caminu. Messa e biada non ostacolano il
cammino.
152. Gattu cumanda a cuda,cuda cumanda a
gattu.
Gatto comanda a coda, coda comanda a
gatto.
153. Miegghjiu l’ova ojie ca ‘a gaddhina
domane.
Meglio l’uovo oggi che la gallina domani.
154. Cui prima on pensa, duoppu sospira. Chi prima non pensa, dopo sospira.
155. Si simini piruni, on jre scazu. Se semini spine, non andare scalzo.
156. ‘U ciucciu e tanti patruni, more e fami e de
siti.
L’asino di tanti padroni, muore di fame e
di sete.
157. ‘U pecuraru ciange quandu nghjela, ma
ride quando mina la cucchiara.
Il pastore piange quando gela, ma ride
quando gira la cucchiaia.
158. Quandu ‘u ciucciu on bola mu vive, on
serve mu frischj.
Quando l’asino non ha voglia di bere, non
serve fischiare.
159. Quandu ‘u gattu on este, ‘u surici abballa. Quando il gatto non c’è il topo balla.
160. ‘U cane c’abbaia assai muzzica puoco. Il cane che abbaia molto, morde poco.
161. ‘A pratica ruppe ‘a grammatica. La pratica rompe la grammatica.
162. Cu’ cumanda on suda. Chi comanda non suda.
163. Cu’ eppe fuocu campau, cu’ eppe pane
moriu.
Chi ha avuto fuoco è vissuto, chi ha avuto
pane è morto.
164. Omini e vinu, tri ‘nu carrinu. Uomini beoni, (ne compri) tre con un
carlino.
165. Quandu ‘u diavulu t’accarizza, è signu ca
vola l’anima.
Quando il diavolo ti accarezza è segno
che desidera la tua anima.
166. O ti mangi sta minestra, o ti ietti da
finestra.
O mangi questa minestra, o ti butti dalla
finestra.
167. ‘U monacu chi fujia, sape i cazzi sue. Il monaco che fugge, sa i cazzi suoi.
168. Mazzi e panieddhi fannu i figghji bieddhi. Botte e panelli rendono i figli belli.
169. Cu’ cientu liebura vole m’acchjiappa, unu
nci fuja e l’atru nci scappa.
Chi cento lepri vuole prendere, uno gli
fugge e l’altro gli scappa.
170. Quando ‘a dogghjia, quandu ‘a pipita, ‘a
gadhineddha mia este sempe malata.
Quando per la colica, quando per la
pipita, la gallinnella mia è sempre
ammalata.
171. Ogni mastrhu este mindicu all’arti sua. Ogni mastro è povero nell’arte sua.
172. ‘A gatta prescialora face i gattuzzi cecati. La gatta frettolosa fa i gattini ciechi
173. Cui fila e cui non fila, panni veste. Chi fila e chi non fila, panni veste
174. Cu’ sputa ncielu, ‘mpacci ci torna. Chi sputa in cielo, in faccia gli torna.
175. ‘A lanceddha tantu va a la funtana chi si
ruppe.
Tanto va alla fontana la caraffa, che si
rompe.
176. A ‘na mala vicina, ‘a pitta chjna. Ad una cattiva vicina, (dai) la ciambella
ripiena.
177. Sala e cunda ‘u pistoni, sempe pistoni este. Sala e condisci il pestello, sempre pestello
è.
178. ‘U mercialuoru chiddhu chi ave vinde, ‘a
funtana chiddhu chi ave spande.
Il merciaio quello che ha vende, la
fontana quello che ha spande.
179. Nciò pattu e nciò saccu, chiddhu chi mienti
truovi.
Nella scrittura privata ( patto) e nel sacco,
quello che metti trovi.
180. Na nuci ncia nu saccu on face scrusciu. Una noce in un sacco non fa rumore.
181. ‘U libbru nmanu tua este cuomu a
lanterna nmanu do cecatu.
Il libro in mano tua è come la lanterna
nelle mani del cieco.
182. Arraccumandi i piecuri o lupu. Raccomandi le pecore al lupo.
183. Ncia nu mundu e cecati, mbiatu cu’ ave
armenu n’uocchju.
In un mondo di ciechi, beato chi ha
almeno un occhio solo.
184. A giugno, mutati ntundu. A giugno cambia tutti i vestiti.
185. Cu’ mangia fele on sputa mele. Chi mangia fiele non sputa miele.
186. ‘U sule a cu’ vide scarfa. Il sole riscalda i presenti.
187. I parienti da mugghjieri, su duci cuomu ‘u
mele; i parienti do maritu, su amari cuomu
‘u citu.
I parenti della moglie, sono dolci come il
miele, i parenti del marito, sono amari
come l’aceto.
188. Ogni gruppu arriva o piettinu. Ogni nodo arriva al pettine.
189. I guai da pignata, i sape a cucchjiara chi
manija.
I guai della pignatta, li conosce la
cucchiaia che li gira.
190. I paluori sugnu cuomu i cerasi. Le parole sono come le ciliegie.
191. ‘U fuocu este buonu dudici misi all’annu. Il fuoco è buono dodici mesi all’anno.
192. Pe cui cada e si leva, on cunta ‘a caduta. Per chi cade e si alza, non conta la caduta.
193. ‘A cavulu hjurutu, chiddhu chi nci fai este
perdutu.
‘A cavolo fiorito, quello che gli fai è
perduto.
194. L’erva chi non vue ti nesce all’uortu, e
l’uomu chi vue muortu este sempe vivu.
L’erba che non vuoi ti nasce nell’orto, e
l’uomo che non vuoi è sempre vivo.
195. Viertula e bacchetta, cu’i pigghja ne jetta. Bisaccia e bastone, chi li prende non li
butta.
196. ‘Mpara l’arti e mentela e parti. Impara l’arte e mettila da parte.
197. Cacci ‘a vipera e sutta ‘a petra e bole mu
ti muzzica.
Togli la vipera da sotto la pietra e vuole
morderti.
198. ‘U ciangienti futtiu sempe ‘u ridienti. Chi si compiange frega chi sorride.
199. Cu’ si cungiange gode. Chi si compiange, gode.
200. Quandu ‘a gurpi si curriva, i gaddhini
‘ngrassanu.
Quando la volpe si offende,le galline
ingrassano.
201. Figghja e gatta, surici pigghja. Figlia di gatta, prende topi.
202. Dimmi cu cui vai ca ti dicu chiddhu chi fai. Dimmi con chi vai che ti dirò che fai.
203. Cu’ jioca sulu on perde mai. Chi gioca solo non perde mai.
204. On mangiare, ciucciu mio, finu a pagghjia
nova.
Non mangiare, ciuco mio, fino a paglia
nuova.
205. Fande quantu nda vue ca cca t’aspiettu. Fanne quante ne vuoi che qui ti aspetto.
206. ‘U gurdu on cride o dijunu. Il sazio non crede chi è digiuno.
207. Si l’amicu vue perdire, prestaci dinari. Se l’amico vuoi perdere, prestagli soldi.
208. Cu patre, mugghjieri e patruni, on hai mai
ragiuni.
Con padre, moglie e padrone, non hai mai
ragione.
209. Na mamma tene cientu figghjiuoli, cientu
fighjiuoli on tenanu na mamma.
Una mamma bada a cento figli, cento figli
non badano ad una mamma.
210. Si bue mu gabbi ‘u vicinu, curcati priestu e
levati all’arva ‘a matinu.
Se vuoi ingannare il vicino, coricati
presto ed alzati all’alba il mattino.
211. L’acqua gùgghja e ‘u puorcu este a
muntagna.
L’acqua bolle ed il porco è alla montagna.
212. Si nci lavi ‘a testa o ciucciu, pierdi acqua,
lissia e fatiga.
Se lavi la testa all’asino, perdi acqua,
liscivia e lavoro.
213. Sparagna a gutti chjna, ca quandu ‘u culu
pare, on c’este chjù nente e risparmiare.
Risparmia a botte piena, che quando
appare il fondo non c’è più nulla da
risparmiare.
214. Pecuraru a spassu, face ‘u lupu grassu. Pastore a spasso, fa il lupo grasso.
215. A gadhina face l’uovu e o gadhu nci
vrùscìa ‘u culu.
La gallina fa l’uovo e al gallo brucia il
culo.
216. Quandu acconzamu i gutti, a mastrhu
Micu ‘u volimu tutti. Quandu cuminciamu
‘u vinu, a mastrhu Micu chi ‘u volimu?
Quando si aggiustano le botti a mastro
Mico lo vogliamo tutti. Quando si
comincia il vino, a mastro Mico che lo
vogliamo?
217. Quandu fhjura ‘u sambucu, ammuccia ‘u
fusu ncio grupu.
Quando fiorisce il sambuco, nascondi il
fuso nel buco.
218. A maju, on mutare saiu. A maggio non cambiare vestito.
219. Cu’ dassa ‘a strada vecchjia pa nova, sape
chi dassa, ma on sape chi trova.
Chi lascia la strada vecchia per la nuova,
sa ciò che lascia e non quello che trova.
220. ‘U ciucciu si mangia ‘a pagghjia pecchi
s’arricorda de quand’era erva.
Il ciuco mangia la paglia perché si ricorda
di quand’era erba.
221. Quandu ‘u poveru duna o riccu, ‘u diavulu
si sciala.
Quando il povero dona al ricco, il diavolo
gode.
222. Vale chjiù nu pacciu ncia casa sua ca
cientu savi ncia casa d’atri.
Vale più un pazzo in casa sua che cento
savi in casa d’altri.
223. Puru ‘a regina ave bisuognu da vicina. Pure la regina ha bisogno della vicina.
224. Mieghjiu nu malu matinu ca nu malu
vicinu.
Meglio una mattinata cattiva che un
cattivo vicino.
225. Quantu dura ‘a nivi e marzu, tantu dura ‘a
fimmina e palazzu.
Quanto dura la neve di marzo, tanto dura
la donna di palazzo.
226. Maladitta chiddha trizza, chi de vennari
s’intrizza.
Maledetta quella treccia, che di venerdì
s’intreccia.
227. Beneditta chiddha pasta chi de vennari Benedetta quella pasta che di venerdì
fonte :
.
.
.
 
 

SCEGLI UNA RISPOSTA E PREMI VOTE

TI PIACE QUESTO RACCONTO?

View Results

Loading ... Loading ...

.
.
.

Lascia un Commento