CIAO
Friday, December 15, 2017
MADONNA DELLA PIETRA DI CHIARAVALLE CENTRALE
SANT'ANTONIO DA PADOVA
SANTI MEDICI COSMA E DAMIANO
SAN BIAGIO PROTETTORE DI CHIARAVALLE CENTRALE
chiaravallepro.it  : UN PONTE TRA PASSATO E FUTURO

IL PENSIONAMENTO di Vittorio Bonacci

Classificato in/Posted in Sociale, Storie 4 category

 

IL PENSIONAMENTO<RITIRO O RIPRESA>

pensione

Terminare la carriera  lavorativa resta nell’immaginario collettivo come un evento conclusivo, certificato spesso con “rituali di uscita”, organizzati negli ultimi giorni di presenza nel posto di lavoro.

Spesso il “fine lavoro” viene vissuto in modo traumatico. In realtà  esso non è e non deve essere il capitolo conclusivo della vita  passata, quanto piuttosto un passaggio da uno stato di vita ad un altro trovando e ricercando nuove forme  di crescita cognitiva ed affettiva.

Secondo gli psicologi le modalità di gestire questo passaggio  si possono concretizzare in  due categorie:

  • Approfittare del tempo libero come un nuovo inizio gestendo nuove risorse dedicandosi  alla cura di relazioni interpersonali;
  • Chiudersi in stessi avvolgendosi nella rinuncia, diventando così apatici e depressi.

In realtà ci sono varie modalità di gestire il “fine lavoro”. Ma è importante affrontare questo passaggio come un processo di transizione pensando a  nuovi progetti per vivere in  modo positivo questo nuovo periodo del ciclo vitale. Numerose e varie sono le attività e le modalità praticabili. E’ importante staccarsi dalla routine precedente ed essere disponibili verso le nuove occasioni, restare aperti alle novità,  fare volontariato nel rispettivo ambito di competenza,  esercizio fisico, viaggiare, visitare città e musei

In concreto tutto l’arco della vita  è costellato di “piccole morti” e di “piccole nascite”.

Con un grafico  questi eventi si possono raffigurare come un alinea con tratti discendenti e ascendenti.

Questi tratti riguardano tuto l’arco della vita ed in particolare la fase del <fine lavoro>.

Le prime riguardano le esperienze di sapore “amaro”: l’allontanamento di un figlio da casa, la fine di una bella vacanza, il tramonto di un’amicizia.

Le seconde riguardano gli avvenimenti positivi: la lettura di un libro importante, l’avvio di una nuova amicizia, conservare la curiosità per le cose sconosciute, stupirsi davanti ad un fiore o una farfalla,  la nascita di un nipote e  l’ esperienza di “essere nonni”. A proposito di quest’ultimo evento, è bene ricordare  che i nonni, ricchi di  esperienza,  sono in grado di offrire un importante apporto per lo sviluppo della maturazione dei nipoti. Einstein afferma che “Non hai veramente capito qualcosa fino a quando non sei in grado di spiegarla a tuo nipote”.

Certo, durante la fase del “fine lavoro”, bisogna essere consapevoli di non poter esplorare certi campi. Resta però importante proporsi obiettivi  perseguibili per restare sempre <in cammino>. A questo proposito viene in mente  la massima di Socrate, riportata da Platone: “ Lasciate che ci sdraiamo all’ombra di questo albero e ragioniamo” e anche quella di Emanuele Kant che, riecheggiando la sapienza socratica, afferma: “lasciate che usciamo nel giardino e lavoriamo”. (Sogni di un visionario,1766).

Per concludere   si può dire che nell’arco  della vita umana insieme al <tempo impegnato> (della vita lavorativa) c’è il  <il tempo libero> (del pensionamento) che insieme  costituiscono  e rappresentano il  <il tempo dell’uomo>.

                                                                           Vittorio  Bonacci