LUIGI LO SPAZZINO

 LUIGI LO SPAZZINO

l22l

lui

Traduzione Esplicativa: Luigi lo Spazzino

Mi appisolai e, per caso, mi apparve a gli occhi della mente il povero Luigi lo Spazzino che con la scopa, la pala ed il carrettino, una specie di pezzo d’opera fischiettava e la Ruga dei Morti ripuliva poco distante da dove abitava …e come al solito, non parlava con nessuno, ma sorrideva…Con un filo di voce mi disse chiaramente:
“-Voi altri oggi dite che ai miei tempi eravamo persone culturalmente arretrate perché bruciavamo gli scarti nel focolare…ma nelle strade c’era poca immondizia…Io, con altri due o tre spazzini, per un misero stipendio mensile la raccoglievamo anche porta a porta e poi in un luogo lontano e appartato facevamo una fossa la scaricavamo dentro e la bruciavamo in un falò…e così il paese era sempre pulito. Adesso se si brucia una foglia secca…scatta una contravvenzione salata perché non si possono rilasciare fumi nell’aria. Le leggi in materia vi stanno portando ad operare una trasformazione olfattiva…sentire la puzza penetrante della spazzatura come se fosse un delicato profumo inebriante. Un tempo il servizio di nettezza urbana non godeva dei mezzi tecnici di oggi, ma era organizzato al meglio possibile. Quasi tutti gli spazzini avevano una divisa. Il dirigente poi, sembrava un generale con la scritta <N.U.> sulla tesa del berretto…sia nell’aspetto che nelle funzioni riguardo alla nettezza pubblica era considerato simile ad una guardia comunale…Adesso con tutte le norme igieniche e statuti di gestione, a nome della civiltà e del progresso il povero spazzino si chiama Operatore Ecologico, deve essere connesso ad internet per ricevere le comunicazioni di servizio, ma non ha un luogo dove scaricare i rifiuti. E, non ostante la raccolta differenziata e le telecamere fisse sui punti di raccolta non rimangono che cumuli di porcheria abbandonata. Piccole discariche sulle strade frequentate dette pomposamente Isole Verdi e di contro centinaia di euro di tassa sui rifiuti pagate dai cittadini per un servizio non reso…del resto non si può avere la moglie ubriaca e la botte piena, cioè o si fa in modo di bruciarla da qualche parte o si convive con l’immondizia! E, con un atteggiamento vergognoso, come se si sentisse in colpa per avermi offeso, gettò la ramazza nel bidone sul carrettino e, improvvisamente, sparì.

 

 

Lascia un Commento